La storia e la tradizione del Circolo Lavoratori Terni (CLT) sono testimonianza del legame indissolubile che oggi, come ieri, c’è tra il CLT, l’Acciai Speciali Terni (AST) e la città di Terni.
Il CLT è nato nel 1927 come dopolavoro dei dipendenti dell’allora “Terni Società per l’Industria e l’Elettricità” ed ha sempre rappresentato il più importante punto di riferimento associativo della città di Terni.
In poco più di un decennio, accanto alla struttura centrale sorgono quattro sedi periferiche (a Collestatte, a Morgnano, a Nera Montoro e a Sant’Angelo in Mercole di Spoleto). Il numero di soci passa dal migliaio degli inizi agli oltre 18mila del 1940 e complessivamente viene realizzato, tra locali a fini ricreativi, strutture ricettive ed impianti sportivi, un patrimonio di ragguardevole entità.
Il crescente entusiasmo per le attività della Società Sportiva della Terni porterà alla costruzione, nel 1925, dello stadio di viale Brin, ribattezzato dai ternani “pista”, perché oltre al campo da calcio comprendeva un anello in cemento con curve paraboliche sopraelevate per il ciclismo ed il motociclismo, oltre ad una pista in carbonella di quattro corsie dedicata all’atletica.
L’attività del Circolo, dovendo provvedere “all’educazione religiosa, fisica e culturale delle maestranze”, copre diversi campi e va dalla partecipazione alle più svariate manifestazioni artistiche e culturali, all’organizzazione di serate danzanti, escursioni e gite, all’intensa opera di promozione dello sport.
Dopo la forzata chiusura durante la guerra, per il sodalizio ternano, che ha nel frattempo mutato il proprio nome in quello di Unione Sportiva Lavoratori, cominciano gli anni della ricostruzione: nel 1949 viene inaugurato il complesso sportivo di via Muratori; nel 1960 è sciolta la gloriosa Unione Sportiva (con i cui colori avevano gareggiato, fra gli altri, campioni come Amleto Falcinelli, Ernesto Sabbati, Umberto Trippa), dando vita al suo posto al Circolo Dopolavoro Aziendale (CDA), che vedrà crescere la propria presenza nei settori ricreativo e culturale e nella cui gestione, con l’approvazione dello Statuto dei Lavoratori, entreranno anche i rappresentanti sindacali.
Nel 1974 viene completata su progetto del famoso architetto e urbanista Cesare De’ Seta, sempre in via Muratori in un’oasi verde al centro della città, quella che ancora oggi è l’attuale sede del Circolo.
Nel 1989, quando la Terni viene rilevata dall’Ilva, anche il Circolo e tutti i suoi beni diventano di proprietà di questa e di conseguenza sono affidati al controllo dell’Ilva Gestioni Patrimoniali, la società creata dal gruppo siderurgico per l’amministrazione del proprio patrimonio immobiliare. La gestione da parte dell’Ilva, coincidente con un parziale rallentamento delle varie iniziative, si conclude alla fine del 1995. Il 20 Settembre di quell’anno, infatti, il Circolo viene riacquistato dalla Acciai Speciali Terni e da allora è tornato ad essere, con un’intensa ripresa delle attività, quel ponte ideale fra Terni e la “sua” fabbrica più rappresentativa costituita dalle Acciaierie.
Nel 1998 è stata costituita la Polisportiva Dilettantistica Circolo Lavoratori Terni Srl (Polisportiva CLT) che ha come unico Socio il Circolo Lavoratori Terni e nella quale sono confluite le attività delle varie discipline sportive.

Nel corso degli anni – grazie all’Acciai Speciali Terni – è andato crescendo il rilevante patrimonio, costituito da strutture a fini ricreativi e da impianti sportivi, concesso in uso al CLT ed alla Polisportiva CLT.
Ed è cresciuta e si è diversificata la presenza del CLT nei settori ricreativo, amatoriale, culturale e sportivo, con molteplici attività offerte a favore dell’intera popolazione del Comune di Terni e non solo dei dipendenti dell’Acciai Speciali Terni. Basti pensare alla completa riqualificazione, nel 2014, delle piscine che durante i mesi estivi rappresentano un apprezzatissimo strumento di aggregazione dei giovani e delle famiglie di Terni.

La gestione del CLT è affidata ad un Consiglio Direttivo i cui componenti sono nominati da Acciai Speciali Terni, dalle Organizzazioni Sindacali ed eletti in rappresentanza dei Soci in servizio.

Nel futuro gli obiettivi del Circolo Lavoratori Terni sono:

  • di continuare a rappresentare un modello di aggregazione e frequentazione per il proficuo impiego del tempo libero;
  • di diffondere la cultura sportiva attraverso il divertimento, la socialità e la sana competizione.

Questo a beneficio di tutta la comunità di Terni, a conferma della responsabilità sociale dell’Acciai Speciali Terni S.p.A. che si rinnova e si adegua ai tempi.