Festa dell’Atleta, grande spettacolo per i premiati del 2017

Festa dell’Atleta, grande spettacolo per i premiati del 2017

Nel novantesimo anno di attività anche la Festa dell’Atleta doveva lasciare il segno. E infatti, ieri, di fronte al pubblico delle grandi occasioni, sono stati premiati gli sportivi gialloblù che più si sono distinti nel corso della passata stagione. Sia il riconoscimento di Atleta dell’Anno sia quello di Giovane Atleta hanno visto degli ex aequo, considerando l’importanza dei traguardi raggiunti da ragazzi che sono stati in grado di distinguersi a livello nazionale e internazionale.

Il premo di Atleta dell’Anno è andato a Matteo Mulas del Canottaggio e a Riccardo Menciotti del Nuoto.

Matteo Mulas è stato inserito, nel 2017, nel gruppo olimpico del Settore Pesi leggeri della Nazionale maggiore, in vista della selezione per le prossime olimpiadi di Tokio e ha vinto a Milano la medaglia d’argento ai Campionati Italiani pesi leggeri mentre, in Nazionale ha vinto in Svizzera, a Lucerna, dove si è disputata la terza tappa della Coppa del Mondo, la gara nel Quattro di coppia pesi leggeri, insieme a Andrea Micheletti, Martino Goretti (Fiamme Oro) e Catello Amarante (Marina Militare), con i quali poi, ai Campionati del Mondo, che si sono svolti a Sarasota in Florida, ha sfiorato il podio, giungendo quarti ad appena 40 centesimi dal bronzo.

Riccardo Menciotti, in gialloblù da un anno, ha invece ottenuto il titolo italiano nel Nuoto Paralimpico nei 100 dorso e ha conquistato il terzo posto nei 100 farfalla. Riccardo ha subito l’amputazione della mano destra in seguito ad un incidente sul lavoro e, nel giro di un solo anno è diventato una realtà del nuoto paralimpico italiano: già nel 2016 aveva conquistato la medaglia d’argento nei 100 dorso ai Campionati europei che si sono svolti in Portogallo. L’esordio in Nazionale c’è stato a gennaio 2016 e le sue specialità sono i 50, 100 e 400 metri  stile libero; 100 dorso e 100 farfalla.

Passando al Giovane Atleta dell’anno, i premiati sono stati tre: Leonardo Bandini per la Lotta, trionfatore a Ostia nel Campionato italiano Cadetti e vincitore della Coppa Italia, mentre per il Canottaggio la menzione è stata ricevuta da Francesco Molinari e Matteo Tonelli. I due ragazzi hanno ottenuto eccellenti risultati sia in campo nazionale sia in quello internazionale, quasi sempre gareggiando in coppia. Nella specialità del doppio hanno infatti conquistato all’Idroscalo di Milano il titolo italiano ai Campionati Italiani categoria Juniores e hanno poi vinto la medaglia di bronzo anche ai Campionati Italiani della superiore categoria Under 23. Hanno anche esordito con ottimi risultati nella Nazionale junior italiana, gareggiando sempre insieme ai Campionati Europei che si sono disputati in maggio a Krefeld in Germania, dove sono giunti quinti. Le loro strade in maglia azzurra si sono poi divise: Francesco, è stato convocato per disputare i Campionati del Mondo Juniores in Lituania; mentre Matteo, che è al primo anno di categoria, a fine luglio ha disputato a in Belgio la Coupe de la Jeunesse, conquistando una medaglia d’argento e una di bronzo.

A far gli onori di casa il presidente del CLT Giovanni Scordo e gli ospiti di riguardo non sono mancati, partendo dall’ad di AST Massimiliano Burelli, passando per le organizzazioni sindacali, l’assessore allo Sport del Comune di Terni e il presidente regionale del Coni Domenico Ignozza.

La serata è stata anche l’occasione per condividere l’orgoglio di aver ricevuto la Stella di Bronzo al Merito Sportivo, ricevuta dal Comitato Olimpico solo pochi giorni fa: “Si tratta di un riconoscimento che il CLT stava aspettando anche da troppo tempo – ha detto Ignozza -, un riconoscimento meritatissimo per una realtà che sta facendo tanto per tutte le discipline sportive. Il CLT è anche l’unico Centro Coni della provincia di Terni, un punto di riferimento per l’avviamento allo sport”.

“Sono a Terni da un anno e mezzo – ha detto l’ad di AST Massimiliano Burelli – e come dicevo al presidente Scordo, una delle cose di cui più mi sono stupito è stato l’attaccamento della città non solo alle Acciaierie, ma

anche ai suoi due figli: la Cassa mutua e il CLT. Per AST dare un supporto concreto per far sì che tante persone possano fare sport è motivo di grande orgoglio. Il CLT ha compiuto nel 2017 novant’anni: può sembrare un periodo lungo, ma si tratta solo una fase dello sviluppo di questo Circolo. I dati economici di AST sono confortanti, e questo ci permette di guardare con positività anche al futuro del CLT in questi locali, questi spazi, è passata la storia della città e noi vogliamo che continui ad essere così”.

La serata si è conclusa con lo spettacolo del comico Andrea Perroni che, a marzo, sarà protagonista di una trasmissione sulla Rai.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie di terze parti per fini statistici e per facilitare la navigazione. Proseguendo nella navigazione se ne accetta l’utilizzo. APPROFONDISCI